Feste e sagre in SiciliaVacanze in Sicilia

Santuario di Santa Maria della Stella

Piazza Santa Maria della Stella, 19 - Militello in Val di Catania (CT)

La Chiesa della Madonna della Stella risorse, dopo il terremoto del 1693, nell'antico quartiere di Sant'Antonio Abate. La sua fondazione risale al 1722, mentre il campanile, che risulta staccato dal corpo della chiesa, è della metà dell'800. L'interno è diviso in tre navate. Moltissime le opere conservate nel tempio. Prima tra tutte una terracotta policroma invetriata , attribuita allo scultore e ceramista fiorentino Andrea della Robbia (fine del XV secolo), uno dei più antichi presepi nel mondo, La ceramica si compone di tre pannelli mirabilmente scolpiti, domina al centro la rappresentazione della Natività di Nostro Signore. Una monumentale macchina lignea del 1753 arricchisce l'altare maggiore della chiesa, sopra il quale è posta una settecentesca pala con la Natività della Vergine di Olivio Sozzi. All'interno della chiesa spicca inoltre il sepolcro di Blasco II Barresi (XV secolo) su cui è scolpita una goticheggiante Annunciazione. La realizzazione della cappella dove si conserva il meraviglioso simulacro della Santa Vergine Maria, la cui solennità dei festeggiamenti avviene l’8 settembre di ogni anno, avvenne su disposizione del marchese di Militello Michele Ercole Branciforte con decreto del 16 giugno 1755. Di particolare interesse è la "Vara" (1624) opera del militellese Giovan Battista Baldanza senior (sec. XVI – XVII ). La scuola del Gaggini è rappresentata da una Madonna col Bambino. Prima di passare alla sacrestia, sarà il caso di volgere lo sguardo in alto, per ammirare i tre grandi affreschi nella volta, eseguiti nel 1945 dal pittore militellese Giuseppe Barone. Destano ammirazione soprattutto il vigoroso disegno dell’ Annunciazione, dell’ Incoronazione della Vergine e del San Giovanni Evangelista.
 
Nella Sala del Tesoro a cui si può accedere direttamente dalla chiesa, troviamo alcuni capolavori che vanno ben oltre gli interessi localistici. Già un discorso ampio, infatti, merita il Ritratto di Pietro Speciale, che l’Agati ed il Maugeri hanno attribuito a Francesco Laurana. Le ricchissime collezioni di Paramenti Sacri e di Argenterie per il culto del Seicento, del Settecento, dell’Ottocento e del Novecento. Il ricchissimo patrimonio di gioelli ed ex voto donati alla Vergine, esposti nell’assetto professionale che li vede legati alla statua tramite fasce in tessuto su cui vengono fittamente cuciti.
 
Gli ultimi interventi di restauro riguardanti la splendida facciata tardo barocca e la sontuosa torre campanaria sono del 2001. Il 28 giugno 2002 il sacro monumento è stato inserito da parte dell’UNESCO nella prestigiosa “ World Heritage list “ (lista del patrimonio dell’umanità).

Fonte / Autore: www.santamariadellastella.it


CONDIVIDI SU FacebookTwitterGoogle+

In primo piano


- Museo Archeologico Regionale di Aidone
- Palazzo dei Normanni Palermo
- Area Archeologica Selinunte
- Teatro Greco Romano di Taormina
- Duomo di San Giorgio Ragusa
- Parco Archeologico Valle dei Templi
- Duomo di Monreale
Siciliainfesta.com
un progetto diImpronte DigitaliFrancesco Grasso
MappaTermini di utilizzoRicette sicilianePartnerPrivacy
N.B. Siciliainfesta.com non in alcun modo
responsabile
per eventuali errori o omissioni
contenuti nelle informazioni pubblicate.
Newsletter
cancellami