Feste e sagre in SiciliaVacanze in Sicilia

Festa Maria SS. Addolorata a Comiso

Terza domenica di maggio - Comiso (RG)

Festa Maria SS. Addolorata a Comiso a Comiso
Sin dal 1910, a Comiso (RG) la terza domenica di maggio hanno luogo i festeggiamenti in onore di MARIA SS. ADDOLORATA. Fù il vescovo Mons. Luigi Bignami (nel 1910) a stabilire che la festa della Madonna Addolorata fosse celebrata la terza domenica di maggio, anzichè che il Venerdì Santo. Per questa occasione il maestro Alfio Pulvirenti, direttore della Banda musicale, musicò l'INNO alla Madonna Addolorata, il cui testo era stato scritto dall’arciprete-parroco della Chiesa Madre Francesco Rimmaudo.
 
Tradizionale raccolta dei "doni" per la cena gastronomica, singolare tradizione che affonda le radici nella notte dei tempi e che testimonia la particolarità della devozione nei confronti della Vergine. I vari gruppi di fedeli si radunano davanti alle proprie abitazioni in luoghi prestabiliti, soprattutto del centro storico, i doni, organizzati in appositi tavoli denominati “cene”, sono poi raccolti, dai componenti del comitato. Per non dimenticare l’aspetto più propriamente folkloristico, così come accadeva una volta la raccolta è effettuata, oltre che con più moderni furgoni, anche con i carretti siciliani alcuni dei quali si fregiano di miniature raffinatissime che mettono in luce la maestria dei carrettieri dei primi anni del secolo scorso. I doni vengono quindi sistemati tutti sul sagrato della chiesa per essere messi a disposizione nell’asta serale, il ricavato della quale sarà devoluto in beneficenza.

Il primo evento ha luogo il martedì successivo alla Domenica di Pasqua, quando, presso la sagrestia della Chiesa Madre, si insedia il Comitato dei festeggiamenti, presieduto dal Parroco, collaborato dal Vice-presidente, dal Tesoriere e dal Segretario. Non appena viene formato il Comitato, si dà inizio alla prima raccolta dei contributi da parte dei presenti, cui segue il suono festante delle campane e lo sparo beneaugurante e simbolico di sette bombe a cannone. La domenica che precede la festa si svolge la “Cena”. In preparazione della festa, nella Chiesa Madre si svolge un devoto Settenario (detto “à Sittina”), composto prima del 1880, con sermoni e canti. La “Sittina” si svolge in Chiesa dal venerdì precedente la seconda domenica di maggio al giovedì successivo. Il venerdì precedente la domenica della festa, invece, si svolge la Via Matris, una processione con il quadro della Madonna Addolorata, nel corso della quale si canta per l'ultima volta la Sittina. Per tutta la durata del Settenario, l'Altare Maggiore della Chiesa Madre rimane velato da una pregevole tenda di filet ricamata nel 1928. Il sabato,  vigilia della festa si tiene la processione detta “A piddiata ro mantu”, ovvero una processione dalla Chiesa di San Biagio alla Chiesa Madre con il prezioso manto di velluto blu notte che avvolge il simulacro, la spada, la raggiera e il fazzoletto che la Madonna stringe tra le mani. 
 
All'inizio della messa pomeridiana si tiene la SVELATA: la tenda viene ritirata, ed appare il simulacro dell'Addolorata. Questo è uno dei momenti più toccanti della festa perché la statua, nel corso dell'anno, è mostrata al popolo comisano soltanto in occasione della festa e ad anni alterni in occasione della processione cittadina del Venerdì Santo insieme alla statua del Cristo Morto. Subito dopo la svelata un coro di bambini canta l'INNO all'Addolorata, al quale segue una solenne messa celebrata dal Vescovo della Diocesi di Ragusa. La domenica pomeriggio ha luogo l’uscita della Madonna Addolorata, sistemata in un’antico fercolo ligneo, che ospita il settecentesco simulacro della Madonna, messo in rilievo dal magnifico baldacchino dorato. Dopo l'uscita dalla chiesa, il fercolo con la statua di Maria Ss. Addolorata viene portato nella adiacente piazza Fonte Diana, sul cui palco il coro di bambini canta nuovamente l'Inno all'Addolorata (questo è il momento più sentito e partecipato dalla cittadinanza, insieme alla Svelata). Quindi si svolge la processione lungo le strade cittadine, al termine della quale segue un imponente spettacolo pirotecnico.

Per maggiori informazioni: 
https://www.facebook.com/devoti.portatori.addolorata
www.comune.comiso.rg.it 
annunziatacomiso.blogspot.it

Ultima modifica: 2017-05-08 18:33
Fonte / Autore: Dario Brafa


CONDIVIDI SU FacebookTwitterGoogle+

Ricerca

Ricerca avanzata

In primo piano


- Sagra del Pistacchio di Bronte
- Ottobrando a Floresta
- Sagra della Mostarda e del Ficodindia a Militello
- Ottobrata a Zafferana
- Pasta reale ricetta
Siciliainfesta.com
un progetto diImpronte DigitaliFrancesco Grasso
MappaTermini di utilizzoRicette sicilianePartnerPrivacy
N.B. Siciliainfesta.com non in alcun modo
responsabile
per eventuali errori o omissioni
contenuti nelle informazioni pubblicate.
Newsletter
cancellami