Feste e sagre in SiciliaVacanze in Sicilia

Festa di San Sebastiano a Tortorici

20 gennaio e domenica e la domenica pi vicina al 9 maggio - Tortorici (ME)

Festa di San Sebastiano a Tortorici a Tortorici
La lunga festa in onore di S. Sebastiano inizia il primo gennaio con il suono della campana e l'esposizione del Santo alla Città. La prima manifestazione è la Bula che cade il sabato più vicino al 13 gennaio. La domenica precedente la Festa, in mattinata, al rientro dalla processione di S. Antonio Abate, i devoti danno inizio alla Sfilata dell'Alloro lungo le vie della Città fino alla Chiesa di S. Maria Assunta. Questa manifestazione nel tempo ha suscitato sempre più interesse da parte di curiosi e cultori delle tradizioni. Degustazione di prodotti tipici. La festa cade sempre il 20 gennaio, i devoti che hanno un voto da sciogliere, vanno nudi al Santo, gli uomini, in segno penitenziale vestono di bianco con camicia e pantalone, un fazzoletto piegato a mò di triangolo al cinto e a piedi nudi. Le donne, a piedi nudi, indossano camice e gonne bianche, il fazzoletto copre la testa e precedono e seguono, nella processione o nella questua, il Santo.

Il rito religioso si celebra nella Chiesa di S. Maria Assunta, partecipazione delle autorità locali per continuando una secolare tradizione che prende il nome di Senato, i Giurati nel '600, i Senatori nel '700 e i Sindaci dal '800 in poi, preceduti dai mazzieri si recavano in Chiesa consegnando, in segno di omaggio al Santo, le chiavi della Città. A mezzogiorno inizia la Processione per le vie della Città. L'artistica "Vara" è portata solo dai nudi, questo è un privilegio ma anche un obbligo penitenziale. La prima tappa della Processione è nel Fiume Calagni dove i devoti fanno sostare la vara invocando la grazia, questo rito rappresenta il complesso rapporto della Città di Tortorici con i fiumi, da sempre i fiumi hanno fornito acqua per i bisogni alimentari, per l'irrigazione dei campi, per far funzionare mulini, mertelletti e paratori, spesso però i fiumi, con le inondazioni o i diluvi, hanno distrutto o danneggiato il territorio. Il Santo viene invocato per scongiurare i danni. Dopo la sosta nel Fiume Calagni inizia la « questua », il Santo viene portato per le vie della Città rientrando nella Chiesa di S. Nicolò dove permane fino all'ottava. 
 
Processione dell'Alloro
La domenica precedente la Festa in onore di San Sebastiano Martire i devoti, che hanno in precedenza tagliato nodosi rami dall'alloro o agrifoglio, scorticato il tronco e appeso un fiocco rosso e delle bacche depositano l'alloro davanti al Palazzo della Città (una volta Palazzo dei Giurati), creando così un improvvisato bosco magico. L'alloro ricorda il bosco di alloro sacro ad Adone dove S. Sebastiano, legato nudo ad un albero, è bersaglio delle frecce dei feroci arcieri della Mauritania. A mezzogiorno, dalla chiesa di S. Nicolò viene portato in processione S. Antonio Abate, il quale nel suo breve percorso attraversa questa piccola e improvvisata foresta e con la sua intercessione rende fertile la terra e gli animali, esorcizzando i mali. Dopo il rientro di S. Antonio nella Chiesa di S. Nicolò, al suono di cornamusa e tamburi, i devoti danno inizio alla sfilata dell'alloro lungo le vie della Città.
 
La festa  in onore del Santo patrono viene ripetuta nella domenica più vicina al 9 maggio
 
La festa ha inizio già sabato sera con la solenne Messa del Vespro presso la Chiesa Madre ed a seguire i fuochi d’artificio "Jocu Focu".
 
Domenica mattina il risveglio del paese in festa: il rintocco delle campane, gli ambulanti della fiera ma, soprattutto, “i nudi” (fedeli vestiti di bianco e scalzi), che arriveranno dai paesi vicini e lontani nonché dalle numerose borgate di Tortorici, a rendere omaggio al Santo per le grazie da chiedere o già ricevute. Dopo la messa solenne, il Santo viene accompagnato in processione per le vie del paese portato a spalla sulla possente “Vara” da 18 nudi. Nel tardo pomeriggio si svolge la “processione di saluto”: le donne precedono la “vara”, mentre gli uomini portano e seguono la stessa. Al termine del saluto dei fedeli dopo i tradizionali “giri”, la statua del Santo verrà riposta nella chiesa di Santa Maria Assunta dove rimarrà fino al 20 gennaio prossimo.

Per maggiori informazioni: www.tortoricinrete.it
www.facebook.com/pages/San-Sebastiano-Martire-Patrono-di-Tortorici

Ultima modifica: 2017-05-08 18:29


CONDIVIDI SU FacebookTwitterGoogle+

Ricerca

Ricerca avanzata

In primo piano


- Ricetta cannoli siciliani
- Pasta reale ricetta
- Pignolata messinese
Siciliainfesta.com
un progetto diImpronte DigitaliFrancesco Grasso
MappaTermini di utilizzoRicette sicilianePartnerPrivacy
N.B. Siciliainfesta.com non in alcun modo
responsabile
per eventuali errori o omissioni
contenuti nelle informazioni pubblicate.
Newsletter
cancellami