Feste e sagre in SiciliaVacanze in Sicilia

Festa della Madonna del Carmine a Porto Empedocle

16 luglio - Porto Empedocle (AG)

Festa della Madonna del Carmine a Porto Empedocle a Porto Empedocle
La festa della Madonna del Carmine affonda le sue radici nelle stesse origini della città di Porto Empedocle (Agrigento). Quando verso il 1840 i pescatori,paranzara, presero stabile dimora in paese con le loro famiglie, a Girgenti, loro luogo natale, lasciarono qualcosa che ancora li obbligava alla vicina città: la loro Patrona, la Vergine del Monte Carmelo, per la ricorrenza della quale, ogni anno nel giorno della sua festa, che ricorre il 16 Luglio, vi ritornavano e vi accorrevano profondendo doni e voti. A lungo andare, però, andò determinandosi in loro un forte attaccamento per la nuova residenza. Parve a loro più giusto che qui avessero una chiesa, dedicata al culto della loro patrona. E’ con la costruzione della nuova chiesa avvenuta nel 1863 che puntualmente si celebrano i festeggiamenti in onore della Vergine.
 
Si può ben dire, perciò, che è la festa più antica del paese, che, pur con alterne vicissitudini, quasi a voler segnare lo stesso passo con la vita del paese che la ospita, ha sempre indicato un punto di riferimento, una data di incontro, un momento di comunione di tutti gli empedoclini sparsi ogni dove.
 
La festa ha assunto nei vari momenti della vita paesana fasi di esaltazione religiosa o semplicemente di manifestazione folkloristica. Ricordiamo le manifestazioni che si sono svolte in occasione della festa nell’anno 1955, quando è stata abbinata alla festa del mare. Da allora, anche se non con la stessa magnificenza, ha assunto sempre più un richiamo, oltre che religioso, turistico, per il periodo in cui viene a cadere e soprattutto per le manifestazioni che accompagnano i festeggiamenti, che naturalmente sono, per la maggior parte tipicamente marinari, dalla suggestiva "varchiata a mari",  processione a mare dell’artistico simulacro, raffigurante la Madonna del Carmelo col Bambino Gesù e, in ginocchio, San Simone Stock, tra il suono festoso delle sirene delle navi in porto e lo sfolgorio di luci e fiaccole multicolori (che rappresenta la parte più toccante della manifestazione).
 
Nell'ambito della festa, i tradizionali “giochi a mari”, nello specchio d’acqua antistante il molo di ponente, come l’antenna a mari (consiste nell’abilità di acchiappare una bandiera fissata all’estremità di un’asta insaponata, fissata orizzontalmente sulla poppa di un motopeschereccio) e la sagra della Padellata, in un enorme padella vengono posti in frittura pesci che vengono poi distribuiti gratuitamente alla popolazione. La festa si conclude a notte inoltrata con il rientro in Chiesa Madre.
 
I tre giorni di festa che normalmente cadono il venerdì, sabato e domenica successivi al 16 luglio, rappresentano per i maggiori protagonisti, i pescatori, tre giornate di gaudio intenso, dopo un anno di duro lavoro. La festa anche se ha perduto gran parte della religiosità per la quale era nata resta una solennità che si lega perfettamente al paese.
 
Per maggiori informazioni: www.chiesamadreportoempedocle.it

Ultima modifica: 2016-05-11 14:43
Fonte / Autore: Chiesa Madre Porto Empedocle


CONDIVIDI SU FacebookTwitterGoogle+

Ricerca

Ricerca avanzata

In primo piano


- Ricetta cannoli siciliani
- Pasta reale ricetta
- Pignolata messinese
Siciliainfesta.com
un progetto diImpronte DigitaliFrancesco Grasso
MappaTermini di utilizzoRicette sicilianePartnerPrivacy
N.B. Siciliainfesta.com non in alcun modo
responsabile
per eventuali errori o omissioni
contenuti nelle informazioni pubblicate.
Newsletter
cancellami